Via Pugliesi
V

ia Pugliesi si chiamava anticamente “via delle Torri” per la massiccia presenza di complessi edilizi fortificati. Nella torre detta di Giannicone, tra le odierne via dell’Accademia e via Settesoldi, nel 1200 c’erano le prigioni del Comune.

In via Pugliesi, al numero 26, si trova Palazzo Vai, oggi sede dell’Università australiana Monash. Prima di entrare in via Garibaldi, a destra nel cortile recintato del palazzo Vai, fino al 1783 c’era la chiesa di san Giorgio fondata nel 1242.

All’angolo con via Garibaldi c’era, nel 1800, un caffè detto “dei preti”, frequentato da personaggi che hanno animato la cultura pratese. I più conosciuti sono Giuseppe Arcangeli, Jacopo Colzi e Giuseppe Ciardi.

Al n. 21 tra via Settesoldi e via dell’Accademia, si vedono ancora i resti della Torre mozzata dei Giudei detta anche Torre della Buca.

Torre

Le case torri
T

ra l’XI e il XIII secolo, mentre Prato cresceva in estensione e costruiva la seconda cerchia di mura, molte case torri furono edificate dalla nobiltà feudale. Erano simbolo di prestigio e rivestivano pure funzione di difesa e offesa negli scontri tra le famiglie nobili inurbatesi a Prato.

Molte sono andate distrutte o trasformate dall’onda della storia, ma non tutte. Torre degli Ammannati ne è un esempio e, con le altre sopravvissute, costituisce oggi un aspetto caratteristico della Prato medievale.

  • Torre deli Ammannati Apartments | via Pugliesi, 9/11 - 59100 Prato | P.I. 02189450972 info@torredegliammannatiapartments.com